martedì 30 novembre 2010

ANTROPOS Giovedì 2 Dicembre

video
Vene varicose
Ferruccio Marengo Tecnico Ortopedico Titolare Dietisan; Luigi Contessa Dirigente Medico e Scuola di  Specializzazione in Chirurgia Vascolare UniTo Ospedale Molinette; Pasquale Ferrara Informatore Medico Scientifico esperto in elastocompressione

Conduce la giornalista Antonella Frontani
Il Punto con Giorgio Diaferia
Servizi a cura di

Francesca Diaferia
Simone Bauducco

L' Organizzazione Mondiale della Sanità definisce le vene varicose (o varici) come delle dilatazioni abnormi e sacculari delle vene, soprattutto degli arti inferiori, che spesso assumono un andamento tortuoso. Nella popolazione generale la malattia varicosa ha una frequenza del 15-30%, se si considera unicamente la degenerazione dei sistemi della vena Safena e delle sue collaterali, qualora si voglia estendere il concetto anche alle modeste varicosità di rilevanza solamente estetica, tale cifra arriva al 35%. Esiste una notevole differenza fra i vari Paesi: la malattia è molto più frequente in Europa che non in Africa o in Asia, dove si riscontra una prevalenza 10 volte inferiore.

martedì 23 novembre 2010

ANTROPOS GIOVEDI 25 NOVEMBRE SPORT TRAUMI E SOLUZIONI

video
in Studio:
Mattia Castellani, tecnico ortopedico
Barbara Bertolli, istruttrice master di sci
Giancarlo Almondo, tecnico Noene

Conduce la giornalista Antonella Frontani
Il Punto con Giorgio Diaferia
Servizi a cura di
Francesca Diaferia
Simone Bauducco

Sono circa 300.000 gli italiani che finiscono ogni anno in Pronto 
Soccorso per un trauma legato allo sport: 85% maschi e 15% femmine. 
Tra le discipline più colpite: il calcetto, la pallacanestro, la pallavolo, 
lo sci.In forte crescita gli over 50. Più colpiti sono gli arti inferiori, il 30% 
quelli superiori e circa il 12 % la testa.

domenica 7 novembre 2010

ANTROPOS 18 NOVEMBRE con PIERGIORGIO ODIFREDDI Il MATEMATICO IMPERTINENTE

video
L'alfabeto con cui Dio ha scritto l'universo". Con queste parole Galileo Galieli ha descritto una delle scienze più antiche della cultura umana: la matematica. Seppur relegata agli incubi più profondi di ogni studente delle scuole italiane, la matematica è stata ed è tutt'ora un autentico strumento di vita quotidiana. Anche se spesso non prestiamo attenzione, molte delle azioni che eseguiamo durante la giornata sono regolate e si sviluppano attrverso il calcolo.
Ma la matematica implica un rapporto più profondo anche con la riflessione metafisica. Da sempre vi è un legame indistinguibile tra la matematica e la filosofia: basta pensare alla civiltà greca, da Eratostetne a Talete fino a Pitagora.
Forse la cosa più sorprendente sulla matematica è che è così sorprendente. Le regole che poniamo all'inizio sembrano ordinarie e inevitabili, ma è impossibile prevedere le loro conseguenze. Esse sono state trovate solo dopo lunghi studi, che si sono estesi per secoli. Molta della nostra conoscenza è dovuta a relativamente pochi grandi matematici come Newton, Eulero, Gauss, o Riemann; poche carriere possono essere state più soddisfacenti delle loro. Essi hanno contribuito all'intelletto umano qualcosa che durerà ancora più della grande letteratura, perché è indipendente dalla lingua.
da Wikipedia  E' un matematico, logico e saggista italiano. I suoi scritti, oltre che di matematica, si occupano di divulgazione scientifica, storia della scienza, filosofia, politica, religione, esegesi, filologia e saggistica varia.

giovedì 4 novembre 2010

ANTROPOS GIOVEDI 11 NOVEMBRE : "LINFA VITALE"

Conduce la giornalista  ANTONELLA FRONTANI
Il Punto con : GIORGIO DIAFERIA
 Servizi a cura di  FRANCESCA DIAFERIA  e SIMONE BAUDUCCO

video
Elisa Pannili Tecnico Ortopedico Titolare VIALIS S.r.L.
Jean Pierre Candido Chirurgo Vascolare
Pandolino Laura Fisioterapista Torino
Per linfedema in campo medico, si intende una condizione in cui avviene un accumulo anormale di linfa dovuto ad un'anomalia a livello del sistema linfatico.La sua diffusione avviene soprattutto negli arti.
L'incidenza maggiore la si ha intorno alla metà della terza decade di età, esistono le forme preoci (se dovesse manifestarsi durante l'adolescenza) e tardive (se dovesse mostrarsi in seguito), il sesso femminile per alcune tipologie è il più colpito, per altre non si mostrano differenze nei sessi.
Le forme primarie (non derivate) sono formate da anomalie congenite del sistema linfatico, queste possono essere di varia natura (morfologiche e funzionali)
  • Edema linfatico congenito, in tale forma si ritrova anche la malattia di Milroy
  • Edema linfatico precoce
  • Edema linfatico tardivo

Edema linfatico secondario L'ostruzione, causa del linfedema, viene causata da un'altra malattia, sovente si tratta di forme tumorali ma possono essere dovute a adenopatie, sindrome postflebitica, linfangite.